Aiuto

La Parola è Vita

1 Quando Gesù ebbe finito di dare queste istruzioni ai dodici discepoli, se ne ando ad insegnare e a predicare nelle loro città.

Gesù incoraggia Giovanni

2 Giovanni Battista, che in quel periodo si trovava in prigione, venne a sapere dei miracoli che il Messia stava facendo, percio mando i suoi discepoli a chiedere a Gesù:
3 "Sei davvero tu quello che stiamo aspettando, o dobbiamo restare in attesa di qualcun altro?"
4 "Tornate da Giovanni", rispose loro Gesù, "e riferitegli quello che mi avete sentito dire e cio che mi avete visto fare:
5 i ciechi acquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono guariti, i sordi odono, i morti risuscitano; il Vangelo viene proclamato ai poveri.
6 Poi ditegli: "Beato chi non si vergogna di me!"
7 Quando i discepoli di Giovanni furono partiti, Gesù comincio a parlare di lui alla folla: "Quando andaste nel deserto per [vedere Giovanni] che cosa vi aspettavate di vedere? Una canna spinta qua e là dal vento?
8 Oppure pensavate di trovare un uomo vestito con abiti di lusso? Coloro che si vestono così si cercano nei palazzi dei re!
9 Allora, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, anzi, egli è ben più di un profeta!
10 "È colui a cui si riferiscono le Scritture; quando dicono: "Ecco, io mandero il mio messaggero, davanti a te per prepararti la via!"
11 In verità, fra tutti gli uomini nati su questa terra, non ce n'è mai stato uno maggiore di Giovanni Battista; tuttavia, il più piccolo nel Regno dei cieli è più grande di lui!
12 E dai giorni di Giovanni Battista fino ad ora il Regno dei cieli è preso a forza, e i forti se ne impadroniscono.
13 Infatti, tutti i profeti, e anche la legge, hanno profetizzato fino a Giovanni,
14 e se volete saperlo, Giovanni è l'uomo di cui scrisse il profeta, quando disse che Elia sarebbe tornato.
15 Cercate di capire cio che vi dico!
16 "Che cosa diro di questa generazione? Questa gente assomiglia a dei bambini seduti nelle piazze che gridano ai loro amici:
17 "Vi abbiamo suonato della musica allegra, e voi non avete ballato; abbiamo cantato dei lamenti funebri e voi non avete pianto!"
18 Perché è venuto Giovanni Battista, che non beve vino e spesso digiuna, e loro dicono: "Egli ha un demone!"
19 Poi è venuto il Figlio dell'uomo, che mangia e beve, e voi dite: "Ma che mangione è quello! E come beve! E che cattiva compagnia frequenta! Ma la sapienza si vede dalle opere".

Invito

20 Poi Gesù comincio a rimproverare le città dove aveva compiuto la maggior parte dei suoi miracoli, perché non si erano pentite. Diceva:
21 "Guai a te, Corazìn! Guai a te, Betsàida! Perché, se i miracoli compiuti fra voi fossero stati fatti nelle città di Tiro e Sidone, i loro abitanti si sarebbero pentiti da tempo, vestendosi di tela di sacco e cospargendosi di cenere.
22 Percio vi assicuro che, nel giorno del giudizio, gli abitanti di Tiro e Sidone riceveranno una punizione meno dura della vostra!
23 E tu, città di Cafàrnao, credi forse che sarai innalzata fino al cielo? No! anzi sarai gettata giù nell'inferno! Perché, se i potenti miracoli che ho compiuti fra le tue mura, li avessi compiuti a Sodoma, quella città oggi esisterebbe ancora.
24 Percio ti dico che, nel giorno del giudizio, la sentenza per Sodoma sarà meno dura della tua".
25 Allora Gesù prego: "Padre, Signore del cielo e della terra, ti ringrazio perché hai nascosto queste cose ai sapienti e agli intellettuali e le hai rivelate ai bambini.
26 Sì, Padre, perché tu così hai voluto .
27 "Tutte le cose mi sono state affidate da mio Padre. Nessuno conosce il Figlio se non il Padre. E nessuno conosce il Padre, tranne il Figlio e quelli ai quali il Figlio desidera rivelarlo.
28 "Venite da me, voi tutti che siete stanchi e oppressi e io vi daro riposo.
29 Mettetevi al mio servizio e imparate da me, che sono mite e umile, e troverete riposo per le vostre anime,
30 perché servire me è dolce, ed il mio carico è leggero".
© 2018 ERF Medien