Aiuto

La Parola è Vita

1 Paolo, che Dio ha voluto mandare come apostolo di Gesù Cristo ad annunciare a tutti la promessa della vita eterna per mezzo di Gesù Cristo,
2 a Timoteo mio carissimo figlio: che Dio Padre e Gesù Cristo, nostro Signore, ti diano grazia, misericordia e pace!

L'affetto di Paolo per Timoteo

3 Giorno e notte, nelle mie preghiere, mi ricordo di te, Timoteo, e ringrazio Dio che servo con coscienza pulita, come hanno fatto i miei antenati.
4 Quanto desidero rivederti! Sarebbe per me una grande gioia, perché ricordo ancora le tue lacrime [quando ci lasciammo].
5 Mi torna alla mente la tua fede sincera, la stessa fede che animo prima tua nonna Loide, poi tua madre Eunìce, e sono convinto che ora si trovi anche in te.
6 Per questa ragione, ti raccomando di risvegliare il dono di Dio che hai ricevuto quando ho posto le mani su di te.
7 Perché lo Spirito Santo che Dio ci ha dato non ci rende timidi, ma forti, pieni d'amore e equilibrati.
8 Percio non ti devi mai vergognare di parlare agli altri del nostro Signore, né di me, che sono in prigione per amore di Cristo, ma sii pronto anche tu a soffrire per il vangelo, perché Dio te ne darà la forza.
9 È lui che ci ha salvati e ci ha scelti, non per merito nostro, ma a motivo del suo progetto e della sua grazia. Questo è stato da sempre il suo piano preparato per noi: donarci la salvezza per mezzo di Gesù Cristo.
10 Ora tutto questo ci è stato rivelato con l'arrivo di Gesù Cristo, nostro Salvatore, che ha infranto la potenza della morte portando alla luce vita e immortalità per mezzo del vangelo.
11 E Dio mi ha scelto come predicatore, apostolo e insegnante.
12 Ecco perché sto soffrendo [qui in prigione], ma non me ne vergogno, perché io so in chi ho riposto la mia fiducia e sono certo che egli ha la potenza di custodire tutto cio che mi ha affidato, fino a quel giorno.
13 Le sane istruzioni che hai ascoltato da me ti servano di guida per aiutarti a continuare nella fede e nell'amore che vengono da Gesù Cristo.
14 Custodisci questo buon deposito per mezzo dello Spirito Santo che abita in noi.
15 Come sai, tutti i cristiani della Turchia occidentale mi hanno abbandonato, anche Fìgelo ed Ermogene.
16 Che il Signore benedica Onesìforo e tutta la sua famiglia; molte volte è venuto a farmi visita e mi ha confortato. Non si è vergognato della mia catena,
17 anzi, quando è venuto a Roma, s'è messo a cercarmi dappertutto finché non mi ha trovato.
18 Che il Signore gli faccia trovare misericordia in quel giorno. E poi tu sai bene quanto mi abbia aiutato, mentre ero ad Èfeso.
© 2017 ERF Medien