Aiuto

Nuova Riveduta 2006

Tentazione di Gesù Cristo

1 Gesù, pieno di Spirito Santo, ritornò dal Giordano e fu condotto dallo Spirito nel deserto per quaranta giorni, dove era tentato dal diavolo.
2 Durante quei giorni non mangiò nulla; e quando furono trascorsi, ebbe fame.
3 Il diavolo gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ a questa pietra che diventi pane».
4 Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Non di pane soltanto vivrà l’uomo”1».
5 Il diavolo lo condusse in alto, gli mostrò in un attimo tutti i regni del mondo e gli disse:
6 «Ti darò tutta questa potenza e la gloria di questi regni; perché essa mi è stata data e la do a chi voglio.
7 Se dunque tu ti prostri ad adorarmi, sarà tutta tua».
8 Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Adora il Signore, il tuo Dio, e a lui solo rendi il tuo culto”2».
9 Allora lo portò a Gerusalemme e lo pose sul pinnacolo del tempio, e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gettati giù di qui,
10 perché sta scritto: “Egli darà ordini ai suoi angeli #a tuo riguardo, di proteggerti”
11 e “Essi ti porteranno sulle mani, #perché tu non urti col piede contro una pietra”3».
12 Gesù gli rispose: «È stato detto: “Non tentare il Signore Dio tuo”4».
13 Allora il diavolo, dopo aver finito ogni tentazione, si allontanò da lui fino a un momento opportuno.

Gesù Cristo in Galilea

14 Gesù, nella potenza dello Spirito, se ne tornò in Galilea; e la sua fama si sparse per tutta la regione.
15 E insegnava nelle loro sinagoghe, glorificato da tutti.

Gesù nella sinagoga di Nazaret

16 Si recò a Nazaret, dov’era stato allevato e, com’era solito, entrò in giorno di sabato nella sinagoga e si alzò per leggere5.
17 Gli fu dato il libro del profeta Isaia e, aperto il libro,6 trovò quel passo dov’era scritto:
18 «Lo Spirito del Signore è sopra di me, perciò mi ha unto per evangelizzare i poveri; #mi ha inviato per annunciare la liberazione ai prigionieri #e il recupero della vista ai ciechi; #per rimettere in libertà gli oppressi,
19 per proclamare l’anno accettevole del Signore»7.
20 Poi, chiuso il libro e resolo all’inserviente, si mise a sedere; e gli occhi di tutti nella sinagoga erano fissi su di lui.
21 Egli prese a dire loro: «Oggi si è adempiuta questa Scrittura, che voi avete udito».
22 Tutti gli rendevano testimonianza e si meravigliavano delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca, e dicevano: «Non è costui il figlio di Giuseppe?»
23 Ed egli disse loro: «Certo, voi mi citerete questo proverbio: “Medico, cura te stesso; fa’ anche qui nella tua patria tutto quello che abbiamo udito essere avvenuto in Capernaum!”».
24 Ma egli disse: «In verità vi dico che nessun profeta è ben accetto nella sua patria.
25 Anzi, vi dico in verità che ai giorni di Elia, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e vi fu grande carestia in tutto il paese, c’erano molte vedove in Israele;
26 eppure a nessuna di esse fu mandato Elia, bensì a una vedova in Sarepta di Sidone.
27 Al tempo del profeta Eliseo c’erano molti lebbrosi in Israele; eppure nessuno di loro fu purificato, bensì Naaman, il Siro».
28 Udendo queste cose, tutti nella sinagoga furono pieni d’ira.
29 Si alzarono, lo cacciarono fuori dalla città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per precipitarlo giù.
30 Ma egli, passando in mezzo a loro, se ne andò.

Gesù guarisce un indemoniato a Capernaum

31 Poi discese a Capernaum, città della Galilea, e qui insegnava alla gente nei giorni di sabato.
32 Ed essi si stupivano del suo insegnamento perché parlava con autorità.
33 Or nella sinagoga si trovava un uomo che aveva uno spirito di demonio impuro, il quale gridò a gran voce:
34 «Ahi! Che c’è fra noi e te, Gesù Nazareno? Sei venuto per mandarci in perdizione? Io so chi sei: il Santo di Dio!»
35 Gesù lo sgridò, dicendo: «Taci, ed esci da quest’uomo!» E il demonio, gettatolo a terra lì nel mezzo, uscì da lui senza fargli alcun male.
36 E tutti furono presi da stupore e discutevano tra di loro, dicendo: «Che parola è questa? Egli comanda con autorità e potenza agli spiriti immondi, ed essi escono».
37 E la sua fama si diffondeva in ogni luogo della regione.

Gesù guarisce la suocera di Pietro e altri malati

38 Poi, alzatosi e uscito dalla sinagoga, entrò in casa di Simone. Or la suocera di Simone era tormentata da una gran febbre; e lo pregarono per lei.
39 Chinatosi su di lei, egli sgridò la febbre, e la febbre la lasciò; ed ella subito si alzò e si mise a servirli.
40 Al tramontar del sole, tutti quelli che avevano dei sofferenti di varie malattie li conducevano a lui; ed egli li guariva, imponendo le mani a ciascuno.
41 Anche i demòni uscivano da molti, gridando e dicendo: «Tu sei il Figlio di Dio!» Ma egli li sgridava e non permetteva loro di parlare, perché sapevano che egli era il Cristo.
42 Poi, fattosi giorno, uscì e andò in un luogo deserto; e le folle lo cercavano e giunsero fino a lui, e lo trattenevano perché non si allontanasse da loro.
43 Ma egli disse loro: «Anche alle altre città bisogna che io annunci la buona notizia del regno di Dio; poiché per questo sono stato mandato».
44 E andava predicando nelle sinagoghe della Giudea.
1  Non di pane… l’uomo, citazione di Deuteronomio 8:3.
2  Adora… tuo culto, citazione di Deuteronomio 6:13.
3  Egli darà ordini… pietra, citazione del Salmo 91:11-12.
4  Non tentare… Dio tuo, citazione di Deuteronomio 6:16.
5  Si alzò per leggere, la lettura dell’Antico Testamento, eseguita da uno degli assistenti, costituiva una parte essenziale del culto celebrato nelle sinagoghe.
6  Aperto il libro, gli antichi manoscritti dei Giudei erano dei rotoli di papiro o di pergamena.
7  Lo Spirito… accettevole del Signore, citazione di Isaia 61:1-2.
© 2017 ERF Medien