Aiuto

Nuova Riveduta 2006

L’offerta della vedova

1 Poi, alzati gli occhi, Gesù vide dei ricchi che mettevano i loro doni nella cassa delle offerte.
2 Vide anche una vedova poveretta che vi metteva due spiccioli1,
3 e disse: «In verità vi dico che questa povera vedova ha messo più di tutti;
4 perché tutti costoro hanno messo nelle offerte del loro superfluo, ma lei vi ha messo del suo necessario, tutto quello che aveva per vivere».

Il discorso sul monte degli Ulivi

5 Mentre alcuni parlavano del tempio, di come fosse adorno di belle pietre e di doni votivi, egli disse:
6 «Verranno giorni in cui di tutte queste cose che voi ammirate non sarà lasciata pietra su pietra che non sia diroccata».
7 Essi gli domandarono: «Maestro, quando avverranno dunque queste cose? E quale sarà il segno che tutte queste cose stanno per compiersi?»
8 Egli disse: «Guardate di non farvi ingannare; perché molti verranno in nome mio, dicendo: “Sono io2”; e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro.
9 Quando sentirete parlare di guerre e di sommosse, non siate spaventati, perché bisogna che queste cose avvengano prima; ma la fine non verrà subito».
10 Allora disse loro: «Insorgerà nazione contro nazione e regno contro regno;
11 vi saranno grandi terremoti e, in vari luoghi, pestilenze e carestie; vi saranno fenomeni spaventosi e grandi segni dal cielo.
12 Ma prima di tutte queste cose, vi metteranno le mani addosso e vi perseguiteranno consegnandovi alle sinagoghe e mettendovi in prigione, trascinandovi davanti a re e a governatori, a causa del mio nome.
13 Ma ciò vi darà occasione di rendere testimonianza.
14 Mettetevi dunque in cuore di non premeditare come rispondere a vostra difesa,
15 perché io vi darò una parola e una sapienza alle quali tutti i vostri avversari non potranno opporsi né contraddire.
16 Voi sarete traditi perfino da genitori, fratelli, parenti e amici; faranno morire parecchi di voi
17 e sarete odiati da tutti a causa del mio nome;
18 ma neppure un capello del vostro capo perirà.
19 Con la vostra costanza salverete le vostre vite.
20 Quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, allora sappiate che la sua devastazione è vicina.
21 Allora quelli che sono in Giudea fuggano sui monti, e quelli che sono in città se ne allontanino; e quelli che sono nella campagna non entrino nella città.
22 Perché quelli sono giorni di vendetta, affinché si adempia tutto quello che è stato scritto.
23 Guai alle donne che saranno incinte, e a quelle che allatteranno in quei giorni! Perché vi sarà grande calamità nel paese e ira su questo popolo.
24 Cadranno sotto il taglio della spada e saranno condotti prigionieri fra tutti i popoli; e Gerusalemme sarà calpestata dai popoli, finché i tempi delle nazioni siano compiuti.
25 Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle; sulla terra, angoscia delle nazioni, spaventate dal rimbombo del mare e delle onde.
26 Gli uomini verranno meno per la paurosa attesa di quello che starà per accadere al mondo, poiché le potenze dei cieli saranno scrollate.
27 Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nuvola3 con potenza e grande gloria.
28 Ma quando queste cose cominceranno ad avvenire, rialzatevi, levate il capo, perché la vostra liberazione si avvicina».
29 Disse loro una parabola: «Guardate il fico e tutti gli alberi;
30 quando cominciano a germogliare, voi, guardando, riconoscete da voi stessi che l’estate è ormai vicina.
31 Così anche voi, quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino.
32 In verità vi dico che questa generazione4 non passerà prima che tutte queste cose siano avvenute.
33 Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.
34 Badate a voi stessi, perché i vostri cuori non siano intorpiditi da stravizio, da ubriachezza, dalle ansiose preoccupazioni di questa vita, e che quel giorno non vi venga addosso all’improvviso come un laccio;
35 perché verrà sopra tutti quelli che abitano su tutta la terra.
36 Vegliate dunque, pregando in ogni momento, affinché siate in grado di scampare a tutte queste cose che stanno per venire, e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».
37 Di giorno Gesù insegnava nel tempio; poi usciva e passava la notte sul monte detto degli Ulivi.
38 E tutto il popolo, la mattina presto, andava da lui nel tempio per ascoltarlo.
1  Spiccioli, gr. lepton, cioè la moneta più piccola in uso presso i Giudei.
2  Sono io, lett. Io sono, allusione al nome stesso di Dio (cfr. Esodo 3:14; Giovanni 8:58).
3  Il Figlio… nuvola, allusione a Daniele 7:13.
4  Generazione, dal gr. gheneà, che può anche essere tradotto: stirpe, razza.
© 2017 ERF Medien