Aiuto

Nuova Riveduta 2006

Condanna del favoritismo

1 Fratelli miei, la vostra fede nel nostro Signore Gesù Cristo, il Signore della gloria, sia immune da favoritismi.
2 Infatti, se nella vostra adunanza entra un uomo con un anello d’oro, vestito splendidamente, e vi entra pure un povero vestito malamente,
3 e voi avete riguardo a quello che veste elegantemente e gli dite: «Tu, siedi qui al posto d’onore»; e al povero dite: «Tu, stattene là in piedi», o «siedi in terra accanto al mio sgabello»,
4 non state forse usando un trattamento diverso e giudicando in base a ragionamenti malvagi?
5 Ascoltate, fratelli miei carissimi: Dio non ha forse scelto quelli che sono poveri secondo il mondo perché siano ricchi in fede ed eredi del regno che ha promesso a quelli che lo amano?
6 Voi invece avete disprezzato il povero! Non sono forse i ricchi quelli che vi opprimono e vi trascinano davanti ai tribunali?
7 Non sono essi quelli che bestemmiano il buon nome che è stato invocato su di voi?
8 Certo, se adempite la legge regale, come dice la Scrittura: «Ama il tuo prossimo come te stesso»1, fate bene;
9 ma se avete riguardi personali, voi commettete un peccato e siete condannati dalla legge quali trasgressori.
10 Chiunque infatti osserva tutta la legge, ma la trasgredisce in un punto solo, si rende colpevole su tutti i punti.
11 Poiché colui che ha detto: «Non commettere adulterio», ha detto anche: «Non uccidere»2. Quindi, se tu non commetti adulterio ma uccidi, sei trasgressore della legge.
12 Parlate e agite come persone che devono essere giudicate secondo la legge di libertà.
13 Perché il giudizio è senza misericordia contro chi non ha usato misericordia. La misericordia invece trionfa sul giudizio.

La fede e le opere

14 A che serve, fratelli miei, se uno dice di avere fede ma non ha opere? Può la fede salvarlo?
15 Se un fratello o una sorella non hanno vestiti e mancano del cibo quotidiano,
16 e uno di voi dice loro: «Andate in pace, scaldatevi e saziatevi», ma non date loro le cose necessarie al corpo, a che cosa serve?
17 Così è della fede; se non ha opere, è per se stessa morta.
18 Anzi, uno piuttosto dirà: «Tu hai la fede, e io ho le opere; mostrami la tua fede senza le tue opere, e io con le mie opere ti mostrerò la mia fede».
19 Tu credi che c’è un solo Dio, e fai bene; anche i demòni lo credono e tremano.
20 Insensato! Vuoi renderti conto che la fede senza le opere non ha valore?
21 Abraamo, nostro padre, non fu forse giustificato per le opere quando offrì suo figlio Isacco sull’altare?
22 Tu vedi che la fede agiva insieme alle sue opere e che per le opere la fede fu resa completa;
23 così fu adempiuta la Scrittura che dice: «Abraamo credette a Dio, e ciò gli fu messo in conto come giustizia»3; e fu chiamato amico di Dio.
24 Voi vedete dunque che l’uomo è giustificato per opere, e non per fede soltanto.
25 E così Raab, la prostituta, non fu anche lei giustificata per le opere quando accolse gli inviati e li fece ripartire per un’altra strada?
26 Infatti, come il corpo senza lo spirito è morto, così anche la fede senza le opere è morta.
1  Ama… come te stesso, citazione di Levitico 19:18.
2  Non commettere… non uccidere, citazione del settimo e del sesto dei dieci comandamenti (Esodo 20:13-14; Deuteronomio 5:17-18).
3  Abraamo… come giustizia, citazione di Genesi 15:6.
© 2017 ERF Medien