Aiuto

Nuova Riveduta 2006

Lo scandalo di Corinto e il rimprovero dell’apostolo

1 Si ode addirittura affermare che vi è tra di voi fornicazione, una tale fornicazione che non si trova neppure fra i pagani; al punto che uno si tiene la moglie di suo padre!
2 E voi siete gonfi, e non avete invece fatto cordoglio, perché colui che ha commesso quell’azione fosse tolto di mezzo a voi!
3 Quanto a me, assente di persona ma presente in spirito, ho già giudicato, come se fossi presente, colui che ha commesso un tale atto.
4 Nel nome del Signore {nostro} Gesù, essendo insieme riuniti voi e lo spirito mio, con l’autorità del Signore nostro Gesù,
5 ho deciso che quel tale sia consegnato a Satana, per la rovina della carne, affinché lo spirito sia salvo nel giorno del Signore Gesù.
6 Il vostro vanto non è una buona cosa. Non sapete che un po’ di lievito fa lievitare tutta la pasta?
7 Purificatevi del vecchio lievito per essere una nuova pasta, come già siete senza lievito. Poiché anche la nostra Pasqua, cioè Cristo, è stata immolata.
8 Celebriamo dunque la festa1 non con vecchio lievito, né con lievito di malizia e di malvagità, ma con gli azzimi della sincerità e della verità.
9 Vi ho scritto nella mia lettera2 di non mischiarvi con i fornicatori;
10 non del tutto però con i fornicatori di questo mondo, o con gli avari e i ladri, o con gli idolatri; perché altrimenti dovreste uscire dal mondo;
11 ma quel che vi ho scritto è di non mischiarvi con chi, chiamandosi fratello, sia un fornicatore, un avaro, un idolatra, un oltraggiatore, un ubriacone, un ladro; con quelli non dovete neppure mangiare.
12 Poiché, devo forse giudicare quelli di fuori? Non giudicate voi quelli di dentro?
13 Quelli di fuori li giudicherà Dio. Togliete il malvagio di mezzo a voi stessi3.
1  La festa, riferimento alla Pasqua, importante festa giudaica che commemorava l’esodo degli Israeliti dall’Egitto (vd. nota a Matteo 26:2).
2  Nella mia lettera, allusione a una lettera precedente che non ci è pervenuta.
3  Togliete… voi stessi, riferimento a Deuteronomio 13:5.
© 2017 ERF Medien