Aiuto

La Parola è Vita

La fede porta gioia

1 Essendo giustificati, dunque per fede, siamo in pace con Dio, grazie a Gesù Cristo, nostro Signore.
2  Perché, per la nostra fede, Gesù ci ha portati a questa posizione privilegiata che non abbiamo meritato, ma che Dio ci ha donato, ed in cui restiamo ben saldi, vantandoci della nostra speranza di partecipare alla gloria di Dio.
3  C'è di più! Ci vantiamo anche delle nostre sofferenze, perché sappiamo che c'insegnano la pazienza.
4  La pazienza ci rende forti nel carattere, e questa forza ci aiuta a confidare sempre più in Dio,
5  e non ci lascia delusi, perché lo Spirito Santo, che ci è stato dato, riempie i nostri cuori dell'amore di Dio.
6  Mentre eravamo ancora senza forza, al momento giusto, Cristo è morto per noi peccatori.
7  È già difficile che qualcuno voglia morire per un giusto, anche se per una persona buona qualcuno forse avrebbe il coraggio di morire,
8  ma Dio ha dimostrato il suo grande amore per noi proprio in questo modo: mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi.
9  Ma c'è molto di più, essendo resi giusti dal suo sangue, grazie a Cristo, saremo salvati dall'ira di Dio.
10  Perché, se mentre eravamo ancora suoi nemici, siamo stati riconciliati con Dio per mezzo della morte di suo Figlio, tanto più ora saremo salvati, perché egli vive!
11  E non è tutto, adesso possiamo rallegrarci anche per il nostro Signore Gesù Cristo che ci ha riconciliati.

Differenze tra Adamo e Cristo

12  Quando Adamo pecco, il peccato entro in tutta l'umanità, e col peccato la morte; di conseguenza adesso tutti muoiono perché tutti hanno peccato.
13  Anche prima che la legge esistesse il peccato era nel mondo, ma non viene messo sul conto del peccatore, quando non c'è una legge da osservare.
14  Nonostante cio, tutti, dai tempi di Adamo fino a Mosè, morirono, anche quelli che non avevano disubbidito con un peccato come quello che aveva fatto Adamo.Adamo rappresenta Cristo che doveva venire,
15  ma c'è una grande differenza fra il peccato di Adamo e la grazia di Cristo. Infatti, se in seguito al peccato di un solo uomo, molti furono colpiti dalla morte, quanto più il dono della grazia di un unico uomo, Gesù Cristo, è stato abbondante per molti, grazie a Dio.
16  Quindi, riguardo al dono, esso ha l'effetto inverso del peccato di Adamo: la condanna per quell'unico peccato è stata la pena di morte, mentre il dono di Dio, togliendo molti peccati, ci dichiara giusti.
17  Così, se il peccato di un uomo ha fatto sì che tramite lui la morte regnasse; tanto più tutti quelli che accettano l'abbondanza della grazia di Dio e il suo dono di giustizia parteciperanno alla vita eterna per mezzo di Gesù Cristo.
18  In breve, dunque: come un peccato ha causato la condanna per tutti gli uomini, così una sola opera giusta, ha reso giusti tutti gli uomini, perché possano avere la vita eterna.
19  Infatti, se per la disubbidienza di un solo uomo tutti risultarono peccatori, così l'ubbidienza di un solo uomo è fonte di vita e di giustificazione per tutti.
20  Ora, la legge fu data perché le azioni contro la legge abbondassero. Ma dove il peccato è abbondato, più abbondante è diventata la grazia di Dio.
21  Perché, come il peccato regnava, portando gli uomini alla morte, così la grazia puo regnare in giustizia per portare la vita eterna per mezzo di Gesù Cristo nostro Signore.
© 2017 ERF Medien