Aiuto

La Parola è Vita

Un riposo per il popolo di Dio

1 Siccome la promessa di poter entrare nel suo riposo è ancora valida stiamo ben attenti che nessuno di voi pensi di essere escluso.
2  Perché una Buona Notizia è stata data a noi, come a quelli [che vissero al tempo di Mosè]. A loro, pero, non giovo, perché dopo averla udita, non vi prestarono fede.
3  Noi invece, che abbiamo creduto, entreremo in quel riposo, a proposito del quale Dio disse: "Quando mi sono adirato ho giurato: "Non entreranno mai nel mio riposo", nonostante avessi già preparato tutto fin dalla creazione del mondo".
4  Infatti in un punto della Scrittura, a proposito del settimo giorno, egli dice: "E il settimo giorno Dio si riposo da tutto quello che aveva fatto".
5  E nello stesso passo dice anche: "Questi non entreranno mai nel mio riposo!"
6  La promessa di potervi entrare pero rimane, ed è riservata ad alcuni. Siccome quelli ai quali per primi fu annunciata la Buona Notizia non vi entrarono perché avevano disubbidito,
7  ecco che con le parole di Davide Dio fissa un nuovo giorno per entrarvi: oggi. Come è stato già detto: "Oggi, se udite la sua voce, non indurite i vostri cuori".
8  Se Giosuè avesse dato loro questo riposo, Dio non avrebbe parlato più tardi d'un altro giorno.
9  Rimane dunque un riposo del sabato per il popolo di Dio,
10  Chiunque è entrato nel riposo di Dio si è riposato anche lui dalle opere sue, come ha fatto Dio.
11  Facciamo dunque del nostro meglio per entrare anche noi in quel luogo di riposo, badando di non disubbidire a Dio, come fecero gli Israeliti.
12  Infatti, la Parola di Dio è viva ed efficace, più affilata di qualsiasi spada a doppio taglio. Essa penetra a fondo in ogni parte dei nostri pensieri e nei sentimenti più intimi, fino a dividere fra anima e spirito fra le giunture e le midolla e a giudicare i pensieri e le motivazioni del cuore.
13  Non c'è niente che Dio non conosca, o che gli si possa nascondere, anzi tutte le cose sono nude e scoperte agli occhi di colui al quale dobbiamo rendere conto.Gesù Cristo è il nostro Sommo Sacerdote
14  Siccome abbiamo un grande sommo sacerdote: Gesù, Figlio di Dio, che è andato in cielo, non dobbiamo mai cessare di avere fede in lui.
15  Non è un sommo sacerdote incapace di soffrire con noi nelle nostre debolezze, anzi, è stato tentato esattamente come noi, ma non ha peccato.
16  Percio, avviciniamoci con piena fiducia al trono della grazia, per ottenere misericordia e trovare la grazia, quando ne abbiamo bisogno.
© 2017 ERF Medien