Aiuto

La Parola è Vita

I sigilli

1 Allora vidi l'Agnello rompere il primo dei sette sigilli e udii una delle quattro creature viventi che diceva con una gran voce simile al tuono: "Vieni!"
2 Guardai e vidi un cavallo bianco. Il suo cavaliere aveva un arco e gli fu posta sul capo una corona. Egli partì trionfante, per vincere.
3 Quando egli ruppe il secondo sigillo, udii la seconda creatura vivente che diceva: "Vieni!".
4 Questa volta partì un cavallo rosso. Al suo cavaliere fu data una lunga spada e il potere di togliere la pace dalla terra, così che gli uomini si uccidessero fra di loro.
5 Quando l'Agnello ruppe il terzo sigillo, udii la terza creatura vivente che diceva: "Vieni!" E vidi apparire un cavallo nero. Il suo cavaliere aveva in mano una bilancia.
6 In mezzo alle quattro creature viventi udii come una voce che diceva: " La paga di una giornata per comprare un chilo di grano, lo stesso per tre chili d'orzo, e attenzione all'olio e al vino!"
7 Quando l'Agnello ruppe il quarto sigillo, udii la quarta creatura vivente che diceva: "Vieni!"
8 Ed ecco, vidi un cavallo giallastro e il nome del suo cavaliere era Morte, e l'inferno lo seguiva. A loro fu dato il potere di uccidere con le guerre, le carestie, le epidemie e le bestie feroci, su un quarto della terra.
9 Quando ebbe aperto il quinto sigillo, vidi sotto l'altare le anime di quelli che erano stati uccisi per la loro fedeltà alla Parola di Dio e per la loro testimonianza.
10 Essi chiamavano ad alta voce: "Fino a quando, o Sovrano vero e santo, aspetterai a giudicare gli abitanti della terra per quello che ci hanno fatto? Quando chiederai loro conto del nostro sangue?"
11 Ad ognuno di loro fu data una veste bianca e fu detto di aspettare ancora un po' di tempo, finché non fosse completo il numero dei loro compagni di fede, cioè dei loro fratelli che dovevano essere messi a morte come loro.
12 Quando vidi l'Agnello rompere il sesto sigillo, ci fu un tremendo terremoto. Il sole divenne nero come il carbone e la luna si fece rosso sangue.
13 Allora le stelle caddero dal cielo sulla terra, come fichi acerbi da un albero scosso da un forte vento.
14 Il cielo si ritiro come una pergamena che s'arrotola, e tutte le montagne e le isole furono spostate.
15 I re della terra, i governatori, i generali, i ricchi, i potenti, tutti gli uomini grandi e piccoli, liberi e schiavi, si nascosero nelle spelonche e tra le rocce delle montagne,
16 gridando ai monti e alle rocce: "Cadeteci addosso e nascondeteci dalla vista di Dio, che è seduto sul trono e dall'ira dell'Agnello.
17 Il grande giorno della loro ira è arrivato! Chi potrà mai sopravvivere?"
© 2018 ERF Medien