Aiuto

La Parola è Vita

1 Ho detto a me stesso: "Non voglio rattristarli con un'altra visita penosa".
2 Infatti, se io vi rattristo, chi altri mi potrà rallegrare se non voi, che io ho rattristato?
3 E proprio per questo vi scrivo, perché al mio arrivo non sia reso triste proprio dalle persone che dovrebbero farmi felice. Perché sono convinto che anche voi siete contenti quando io sono nella gioia.
4 Sapeste quanto ho pianto e sofferto a scrivervi quella lettera! Mi si spezzava il cuore. Non volevo darvi un dispiacere, ma dovevo farvi sapere quanto vi amo e quanto mi state a cuore.
5 Ricordatevi che il fratello del quale parlavo nella mia lettera non ha dato un dispiacere soltanto a me, ma anche a tutti voi.
6 Tuttavia, è sufficiente per lui il castigo che ha ricevuto dalla maggioranza di voi.
7 Ora è tempo di perdonarlo e di consolarlo, altrimenti potrebbe non riprendersi più dalla tristezza e dallo scoraggiamento.
8 Percio, vi prego di fargli capire che gli volete ancora bene.
9 Un altro motivo per cui vi ho scritto così era per sapere fino a che punto mi avreste ubbidito.
10 Quando perdonate qualcuno, anch'io lo perdono. Infatti, cio che ho perdonato io, se ho perdonato qualcosa, l'ho fatto per amor vostro e con l'autorità di Cristo,
11 per non permettere che Satana si approfitti di noi, giacché conosciamo bene le sue macchinazioni.

Chi è adatto per questo lavoro?

12 Quando arrivai nella città di Troade, il Signore mi offrì una grande occasione per predicare il vangelo.
13 Tuttavia non avevo pace, perché il mio caro fratello Tito non era là ad aspettarmi, ed io non sapevo dove fosse. Allora salutai i credenti di Troade e partii per la Macedonia alla sua ricerca.
14 Ma sia ringraziato Dio che ci fa sempre trionfare in Cristo, e ovunque andiamo si serve di noi per parlare agli altri del Signore e per spandere il profumo del vangelo.
15 Infatti Cristo ci ha resi un profumo gradito a Dio, che si spande sia fra quelli che sono sulla via della salvezza, sia fra quelli che vanno verso la perdizione.
16 Per quelli che non sono salvati siamo come un odore di morte, che porta morte, mentre per quelli che conoscono Cristo siamo un profumo di vita, che porta vita. Chi è mai all'altezza di questo compito?
17 Ad ogni modo, noi non siamo come tanti che falsificano la parola di Dio per il proprio interesse, ma in Cristo parliamo da parte di Dio con sincerità davanti a lui.
© 2018 ERF Medien