Schließen
BibleServer is a donation based project by ERF Medien.
25 € will help us to secure next years funding.
Aiuto

La Parola è Vita

1 "State attenti a non fare pubblicamente le vostre buone azioni per essere ammirati dagli altri, altrimenti perderete la ricompensa dal Padre vostro che è in cielo.
2 Quando fate l'elemosina, non fatelo sapere in giro, come gli ipocriti, che fanno suonare la tromba nelle sinagoghe e per le strade per farsi ammirare della gente! Vi assicuro che, così facendo, hanno già ricevuto la loro ricompensa.
3 Ma se date ai poveri, fatelo di nascosto, non dite alla vostra mano sinistra cio che sta facendo la destra.
4 E il Padre vostro, che vede cio che viene fatto in segreto, vi ricompenserà.

Preghiera e digiuno

5 "E quando pregate, non fate come gli ipocriti, che amano mettersi a pregare in pubblico, nelle sinagoghe e agli angoli delle strade, dove tutti li possono vedere. Vi assicuro che questa è la sola ricompensa che ne otterranno.
6 Ma, quando pregate, andate in un posto privato, chiudete la porta dietro di voi e pregate il Padre vostro segretamente. E il Padre vostro, che conosce tutti i segreti, vi ricompenserà apertamente.
7 "Non recitate continuamente le stesse preghiere, come fanno i pagani, che pensano di essere esauditi se parlano molto.
8 Ricordate che il Padre vostro sa esattamente cio di cui avete bisogno ancor prima che glielo chiediate.
9 "Voi dunque pregate così: "Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome.
10 Venga il tuo Regno. Sia fatta la tua volontà qui in terra come in cielo.
11 Dacci oggi il cibo necessario,
12 e perdona i nostri peccati, come noi abbiamo perdonato a quelli che ci hanno offesi.
13 Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male!
14 "Il vostro Padre in cielo vi perdonerà se perdonerete a quelli che hanno peccato contro di voi:
15 ma se non perdonerete agli altri, neanche lui perdonerà a voi.
16 "Poi, quando digiunate per uno scopo spirituale, non siate tristi come gli ipocriti, che cercano di apparire pallidi per far vedere a tutti che digiunano. In verità, quella è la sola ricompensa che ne avranno.
17 Ma tu, quando digiuni, lavati la faccia e pettinati bene,
18 in modo che nessuno sappia che hai fame, eccetto tuo Padre che conosce tutti i segreti. Ed egli ti ricompenserà.
19 "Non accumulate ricchezze qui sulla terra, dove possono essere rovinate dai tarli e dalla ruggine o rubate dai ladri.
20 Ma fatevi un tesoro in cielo, dove non perderà mai il suo valore, e sarà al sicuro dai ladri.
21 Poiché dove si trova il tuo tesoro, lì c'è anche il tuo cuore.
22 "È tramite l'occhio che la luce entra in te. Se dunque il tuo occhio è puro, tutta la tua anima ne sarà illuminata.
23 Ma se il tuo occhio è viziato, resterai nel più profondo buio spirituale.
24 "Nessuno puo servire due padroni. Odierà uno e amerà l'altro, o si attaccherà all'uno e disprezzerà l'altro. Non potete servire Dio e il denaro.
25 "Percio vi consiglio: non siate ansiosi per le necessità della vita come il mangiare, il bere, o cosa indossare. Non vedete che la vita vale più del cibo e il corpo più del vestito?
26 Guardate gli uccelli: non seminano, non mietono, né fanno provviste per il futuro, eppure il Padre vostro che è in cielo li nutre. E voi per lui siete di gran lunga più importanti degli uccelli!
27 "Chi di voi, con la sua preoccupazione potrebbe crescere anche soltanto mezzo metro in altezza?
28 "E perché vi preoccupate dei vestiti? Guardate come crescono i gigli nel campo: non lavorano, né si procurano i vestiti,
29 eppure io vi dico che nemmeno Salomone in tutta la sua gloria fu vestito come uno di loro!
30 E se Dio si cura tanto dell'erba, che oggi è nel campo, mentre domani è buttata nel fuoco, non avrà certamente più cura di voi, gente di poca fede?
31 Percio, non siate in ansia, dicendo: "Che mangeremo? Che berremo? Di che ci vestiremo?"
32 Perché sono i pagani che vivono per queste cose, ma il Padre vostro che è nel cielo sa già tutto quello che vi è necessario.
33 "Cercate prima il Regno e la giustizia di Dio, e tutte queste cose vi saranno aggiunte.
34 "Percio, non siate ansiosi per il domani, perché sarà il domani stesso a portarvi nuove preoccupazioni. Bastano i problemi di oggi.
© 2016 ERF Medien