Schließen
BibleServer is a donation based project by ERF Medien.
25 € will help us to secure next years funding.
Aiuto

La Parola è Vita

Gesù lancia il suo messaggio

1 Vedendo la folla, Gesù salì sul monte e si mise a sedere. I suoi discepoli gli si avvicinarono,
2 ed egli comincio ad insegnare dicendo:
3 "Beati gli umili, perché a loro appartiene il Regno dei cieli.
4 "Beati gli afflitti, perché saranno confortati.
5 "Beati gli uomini miti e pacifici, perché erediteranno la terra.
6 "Beati quelli che hanno fame e sete di giustizia, perché saranno soddisfatti.
7 "Beati i misericordiosi, perché riceveranno misericordia.
8 "Beati quelli che hanno il cuore puro, perché vedranno Dio.
9 "Beati quelli che si adoperano per la pace, perché saranno chiamati figli di Dio.
10 "Beati quelli che sono perseguitati per la giustizia, perché il Regno dei cieli appartiene a loro.
11 "Beati voi, quando sarete insultati e perseguitati e quando per causa mia diranno ogni sorta di menzogna sul vostro conto!
12 "Siatene felici e soddisfatti, perché un grandissimo premio vi aspetta in cielo. Infatti, anche gli antichi profeti furono perseguitati allo stesso modo.
13 Voi siete il sale del mondo; ma se il sale perde sapore, come si potrà ridarglielo? Senza sapore non servirebbe più a nulla, non resterebbe che gettarlo via, dove le gente lo calpesterebbe.
14 Voi siete la luce del mondo. Una città posta sopra un monte non puo rimanere nascosta,
15 né si accende una luce per nasconderla sotto un vaso, ma per dare luce a tutti quelli che sono in casa.
16 Allo stesso modo, lasciate che la vostra luce risplenda fra tutti, affinché vedano le vostre buone opere e diano lode a vostro Padre che è nei cieli.
17 "Non pensate che io sia venuto per abolire la legge di Mosè e gli scritti dei profeti. No, non sono venuto per fare questo, ma per adempirli.
18 Perché io vi dico che fino a quando il cielo e la terra non saranno passati, nemmeno una virgola della legge di Dio sarà abolita; finché non sarà tutto compiuto.
19 Percio, chiunque violerà anche il più piccolo dei comandamenti, e insegnerà ad altri a fare altrettanto, sarà minimo nel Regno dei cieli. Mentre quelli che mettono in pratica le leggi di Dio e le insegnano saranno grandi nel Regno dei cieli.
20 "Ma state attenti: se non sarete più giusti dei dottori della legge e dei Farisei, non potrete entrare nel Regno dei cieli!
21 Voi avete sentito cio che fu detto ai nostri padri: "Non uccidere, chi uccide dovrà essere giudicato".
22 Io vi dico che basta arrabbiarsi contro il proprio fratello per dover essere giudicato! Così chi gli dà dello "stupido", rischia di essere trascinato in tribunale, e chi lo chiama deficiente corre il rischio di finire nel fuoco dell'inferno.
23 "Percio, se stai davanti all'altare per fare un'offerta a Dio e improvvisamente ti ricordi che un fratello ha qualcosa contro di te,
24 lascia la tua offerta davanti all'altare e va' prima a riconciliarti con lui; poi torna e fa' la tua offerta a Dio.
25 "Mettiti d'accordo in fretta col tuo avversario mentre sei ancora per la strada con lui e prima che ti consegni al giudice e il giudice alla guardia che ti trascinerà in prigione,
26 perché ti assicuro che da lì non uscirai, finché non avrai pagato fino all'ultimo centesimo.
27 "Voi sapete che la legge di Mosè dice: "Non commettere adulterio".
28 Ma io vi dico che chiunque guarda una donna per desiderarla ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore.
29 Così, se il tuo occhio destro ti fa peccare, cavalo e buttalo via. Meglio perdere una parte del tuo corpo, anziché finire tutto intero all'inferno.
30 E se la tua mano destra ti fa peccare, tagliala e buttala via. Meglio questo, che essere gettato tutto intero nell'inferno.
31 "È stato detto: "Se qualcuno vuole dividersi da sua moglie, ricorra al divorzio".
32 Ma io dico che se un uomo divorzia dalla moglie, a meno che non sia per infedeltà, la mette in condizioni di commettere adulterio. Ed anche chi la sposa commette adulterio.
33 "Voi ben sapete che nella legge di Mosè fu detto ai nostri antenati: "Non verrai meno ai giuramenti fatti a Dio, ma li manterrai tutti".
34 Ma io vi dico: non fate giuramenti, né per il cielo, perché il cielo è il trono di Dio,
35 né per la terra, perché è lo sgabello dei suoi piedi. E non giurate "per Gerusalemme!" perché Gerusalemme è la capitale del grande Re.
36 Non giurare neppure sulla tua testa, perché tu non hai neanche il potere di far diventare bianco o nero un solo capello.
37 Dite semplicemente "sì", se è sì, "no", se è no. Cio che aggiungeresti verrebbe dal maligno.
38 Sapete che la legge dice: "Occhio per occhio, dente per dente."
39 Io invece vi dico: non resistete al malvagio! Se vi schiaffeggiano sulla guancia destra, porgete anche l'altra!
40 Se qualcuno vuole citarti in tribunale e prenderti il vestito, dagli anche il cappotto!
41 Se vuole costringerti ad accompagnarlo per un chilometro, vai con lui per due!
42 Date a chi chiede, e non voltate le spalle a chi vi domanda un prestito.
43 "Voi avrete sentito che è stato detto: "Amate i vostri amici e odiate i vostri nemici".
44 Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano!
45 In questo modo agirete da veri figli del Padre vostro che è in cielo. Perché egli fa sorgere il sole sia sui buoni che sui cattivi, e manda la pioggia sia per i giusti che per gli ingiusti.
46 Se amate soltanto quelli che vi amano, che premio ne avrete? Perfino i malvagi si comportano così!
47 Se salutate soltanto i vostri amici, in cosa siete diversi dagli altri? Anche i pagani lo fanno.
48 Siate quindi perfetti, come è perfetto il Padre vostro che è in cielo.
© 2016 ERF Medien