Schließen
BibleServer is a donation based project by ERF Medien. 25 € will help us to secure next years funding.
Aiuto

La Parola è Vita

I nemici protestano

1 In seguito, in occasione di una festa religiosa ebraica, Gesù torno a Gerusalemme.
2 Nella città, vicino alla "Porta delle Pecore", c'è una vasca con il nome ebraico di Betesda, circondata da cinque portici.
3 Molti malati, zoppi, ciechi e paralitici si mettevano sotto questi portici,
4 {aspettando che l'acqua della vasca si muovesse. Di tanto in tanto, infatti, un angelo del Signore veniva a smuovere l'acqua e la prima persona che vi entrava guariva.}
5 Fra quelli che aspettavano c'era un uomo invalido da trentotto anni.
6 Quando Gesù lo vide lì sdraiato, sapendo da quanto tempo era malato, gli chiese: "Vuoi guarire?"
7 "Signore," rispose l'uomo, "non ho nessuno che mi porti nella vasca, quando l'acqua si muove. Ogni volta che cerco di entrarci, c'è sempre qualcun altro che vi scende prima di me".
8 Allora Gesù gli disse: "Alzati, prendi la tua branda e cammina!"
9 Da un momento all'altro l'uomo guarì, prese il lettino e comincio a camminare.
10 Era sabato quando Gesù fece questo miracolo, percio i capi giudei protestarono. Rivolgendosi all'uomo che era stato guarito, gridarono: "Non puoi lavorare di sabato! È contro la legge portare quella branda!"
11 "È stato quello che mi ha guarito a dirmi di portarla!" rispose l'uomo.
12 "Chi è stato a dirti una cosa del genere?" gli chiesero.
13 L'uomo non lo sapeva, perché Gesù si era allontanato tra la folla.
14 Ma dopo un po', Gesù lo ritrovo nel tempio e gli disse: "Ora che sei guarito, non peccare più, che non ti accada anche di peggio!"
15 Allora l'uomo ando dai capi giudei ad informarli che era stato Gesù a guarirlo.
16 CosÃ
17 Ma Gesù rispose: "Mio Padre opera sempre, ed io sto seguendo il suo esempio".
18 A queste parole i capi giudei si dettero ancora più da fare per ucciderlo, perché, oltre ad aver disubbidito alla legge del sabato, chiamava Dio suo Padre, pretendendo di essere uguale a lui.
19 Gesù dunque replico ai suoi accusatori: "Ponete attenzione a quello che dico: il Figlio non puo fare niente da solo, ma fa esattamente cio che vede fare al Padre.
20 Perché il Padre ama il Figlio e gli fa vedere tutto cio che fa, anzi gli mostrerà miracoli ben più grandi della guarigione di quest'uomo, tali da farvi restare senza parole!
21 Infatti, il Padre risuscita i morti e dà vita a chi vuole, e esattamente allo stesso modo, il Figlio dà vita a chi vuole.
22 "Inoltre il Padre non giudica nessuno, perché ha dato al Figlio tutto il potere di giudicare.
23 "Così tutti onoreranno il Figlio, proprio come onorano il Padre. Chi non onora il Figlio, non onora nemmeno il Padre che lo ha mandato.

Gesù offre la vita

24 "In tutta sincerità, vi dico che chi ascolta il mio messaggio e crede nel Padre che mi ha mandato, ha la vita eterna. Non sarà più condannato, ma è passato dalla morte alla vita.
25 "Inoltre, e questo è di grande importanza, arriverà il momento, anzi è già arrivato, in cui i morti udranno la voce del Figlio di Dio, e chi l'ascolta, vivrà.
26 "Il Padre è fonte di vita ed ha concesso anche al Figlio di essere fonte di vita,
27 dandogli il potere di giudicare i peccati, perché è il Figlio dell'uomo.
28 Non vi meravigliate di questo perché si avvicina il momento in cui tutti i morti, nelle loro tombe, udranno la voce del Figlio di Dio e risusciteranno.
29 Quelli che hanno agito bene risorgeranno per avere la vita eterna, gli altri che hanno agito male saranno risorti per la condanna.
30 "Io non posso fare nulla da solo. Giudico come Dio mi suggerisce e il mio giudizio è giusto, perché non cerco di fare cio che voglio io, ma la volontà di Dio, che mi ha mandato.
31 "Se sono soltanto io a testimoniare a mio favore, la mia testimonianza non sarà riconosciuta valida,
32 ma c'è un altro che testimonia di me e so che lui dice la verità sul mio conto.
33 Voi avete mandato ad interrogare Giovanni Battista, che vi ha parlato di me, e cio che ha detto è la verità!
34 Non che io abbia bisogno di testimonianze umane, ma dico questo perché voi possiate trovare la salvezza.
35 Giovanni era come una lampada splendente e voi avete voluto godere della sua luce solo per poco tempo!
36 "A mio favore, pero, c'è una testimonianza ben più grande di quella di Giovanni: le opere che il Padre mi ha concesso di compiere. Sono proprio le opere che faccio che vi danno la prova che il Padre mi ha mandato.
37 Oltre a cio, il Padre stesso ha garantito per me. Certo, non avete sentito la sua voce né vi è apparso di persona,
38 ma siete voi a non accogliere la sua Parola, perché vi rifiutate di credere in me, che sono stato mandato da lui.
39 "Voi esaminate attentamente le Scritture, perché è tramite le Scritture che credete di avere la vita eterna, e sono proprio queste che parlano di me!
40 Eppure, non volete rivolgervi a me per avere la vita!
41 "A me non importa affatto ricevere l'approvazione degli uomini,
42 perché so bene che voi non amate Dio.
43 Sono venuto per farvi conoscere mio Padre, e voi mi respingete, mentre se un altro venisse per sé stesso, lo ricevereste!
44 Non c'è da meravigliarsi se non credete, perché vi compiacete della considerazione reciproca senza cercare cio che proviene dall'unico Dio!
45 "Non pensate che saro io ad accusarvi davanti al Padre. Lo sta facendo Mosè, lo stesso Mosè nella quale avete posto la vostra speranza!
46 "Pero, se davvero voi credeste a Mosè, credereste anche a me; perché ha scritto di me.
47 Quindi, se non credete neppure a cio che ha scritto lui, come potete credere alle mie parole?"
© 2016 ERF Medien