Schließen
BibleServer is a donation based project by ERF Medien. 25 € will help us to secure next years funding.
Aiuto

La Parola è Vita

1 Da Paolo e Timoteo, servi di Gesù Cristo, agli anziani, ai diaconi e a tutti i santi della città di Filippi.
2 Che Dio, nostro Padre, e il Signore Gesù Cristo vi benedicano, dandovi grazia e pace.

Paolo pregaper i credenti di Filippi

3 Ogni volta che penso a voi io ringrazio il mio Dio.
4 Quando prego per voi, il mio cuore si riempie sempre di gioia
5 per tutto l'aiuto che mi avete dato nel diffondere il Vangelo dal giorno in cui l'avete conosciuto fino ad ora.
6 Sono sicuro di questo, che Dio, che ha cominciato in voi la sua opera, la porterà a termine fino al giorno in cui Gesù Cristo tornerà.
7 Ed è giusto che provi questi sentimenti nei vostri confronti, perché avete un posto particolare nel mio cuore. Infatti, voi tutti avete partecipato con me alle benedizioni di Dio, sia quando ero in prigione, sia quando ero libero, mentre sostenevo e difendevo l'annuncio della salvezza in Cristo.
8 Dio sa quanto è profondo il mio amore per voi e quanto desidero rivedervi, con lo stesso affetto di Gesù Cristo.
9 La mia preghiera per voi è questa: che il vostro amore aumenti sempre più e che maturino in voi tanto la conoscenza spirituale, quanto la sensibilità,
10 in modo che possiate fare bene le vostre scelte, perché siate sinceri ed irreprensibili fino al giorno in cui Cristo tornerà.
11 Io prego che, per mezzo di Gesù Cristo, possiate sempre agire in modo giusto e buono per portare gloria e lode a Dio.

Onorare Cristo nella vita e nella morte

12 Ma voglio che sappiate questo, cari fratelli: le cose che mi sono accadute hanno in pratica contribuito al progresso del Vangelo.
13 Perché è chiaro a tutti quanti qui intorno a me, compresi i soldati del palazzo del governatore, che mi trovo in prigione perché seguo Cristo.
14 E grazie al fatto che io sono prigioniero, la maggior parte dei fratelli nel Signore si è fatta più coraggiosa che mai nel parlare agli altri di Cristo.
15 Alcuni, è vero, predicano il Vangelo di Cristo solo perché sono invidiosi e in rivalità contro di me, ma altri lo fanno con sincerità,
16 per amore, perché sanno che io sono incaricato a difendere il Vangelo.
17 Quelli, invece, che predicano Cristo per motivi indegni, vogliono farmi ingelosire, pensando di aumentare i miei dispiaceri mentre sono qui in prigione.
18 Ma che importa! Per qualsiasi motivo lo facciano, per invidia o con sincerità, Cristo viene proclamato, e di questo io saro sempre felice.
19 So infatti che come risultato io saro liberato, perché voi pregate per me e lo Spirito di Gesù Cristo mi aiuta.
20 Ho la viva speranza che non dovro mai vergognarmi di niente; ma ora, come sempre, saro pronto ad esaltare Cristo con coraggio, sia con la vita che con la morte.
21 Per me infatti, vivere è Cristo e morire sarebbe un guadagno!
22 Ma se vivere significa che il mio lavoro avrà portato più frutto, allora mi è davvero difficile decidere se vivere o morire.
23 Sono alle strette; da una parte desidero partire per essere con Cristo: per me sarebbe senz'altro meglio,
24 ma capisco che per voi è più utile che rimanga in vita.
25 Percio sono certo che restero sulla terra ancora per aiutarvi a progredire e perché abbiate gioia nella vostra fede.
26 Così con il mio ritorno fra voi, avrete un motivo in più per lodare Gesù Cristo.
27 Comportatevi sempre in modo degno del Vangelo di Cristo, così, sia che io venga a trovarvi, sia che non venga, possa sentire che restate saldi e uniti nello stesso spirito, lottando insieme per la fede che nasce dal Vangelo,
28 senza alcuna paura di coloro che vi contrastano. Per loro sarà la prova della loro rovina, ma per voi sarà un chiaro segno che Dio è con voi e vi ha dato la salvezza,
29 perché non soltanto avete ricevuto il privilegio di credere in Cristo, ma anche quello di soffrire per lui
30 nella stessa lotta in cui mi avete già visto impegnato, e che anche adesso, come avete sentito, continuo a combattere.
© 2016 ERF Medien