Schließen
BibleServer is a donation based project by ERF Medien. 25 € will help us to secure next years funding.
Aiuto

La Parola è Vita

Paolo rivede il suo rapporto con i Tessalonicesi

1 Voi stessi ben sapete, cari fratelli, quanto vi sia stata utile la nostra visita.
2  Voi sapete come siamo stati insultati e maltrattati a Filippi poco prima di venire da voi. Eppure Dio ci ha dato il coraggio di annunciare il Vangelo anche a voi, malgrado la forte opposizione,
3  perché non abbiamo predicato il falso, né eravamo spinti da motivi impuri, e neppure abbiamo agito con scopi disonesti.
4  Anzi, siccome Dio ci ha messi alla prova e ci ha giudicati degni di affidarci il Vangelo, lo presentiamo per compiacere non quelli che ci ascoltano, ma Dio che conosce e giudica anche le nostre intenzioni più nascoste.
5  Infatti, come ben sapete, non abbiamo mai cercato di convincervi con i complimenti, e tanto meno abbiamo finto di esservi amici per interesse: Dio ne è testimone!
6  Così pure non abbiamo mai cercato d'essere lodati, né da voi, né da altri, anche se, come apostoli di Cristo, avremmo potuto farvi sentire il peso della nostra autorità.
7  Invece, siamo stati gentili con voi, come una madre che nutre e cura teneramente i propri figli.
8  Nel nostro profondo amore, con piacere avremmo condiviso con voi non soltanto il Vangelo, ma la nostra stessa vita, tanto ci eravate diventati cari!
9  Non vi ricordate, cari fratelli, quanto abbiamo lavorato e faticato fra voi? Giorno e notte siamo stati impegnati per non essere di peso a nessuno di voi, mentre vi predicavamo il messaggio di Dio.
10  Voi stessi ci siete testimoni, come pure lo è Dio, che siamo stati giusti, onesti e irreprensibili verso voi credenti.
11  Sapete anche che abbiamo agito verso ciascuno di voi come fa un padre con i suoi figli. Vi abbiamo esortati e
12  incoraggiati, scongiurandovi di vivere in modo degno di Dio, che vi ha invitati nel suo Regno per condividere con voi la sua gloria.
13  E mai ci stancheremo di ringraziare il Signore perché, quando avete sentito la nostra presentazione del Vangelo, voi non avete pensato che si trattasse di parole umane, ma l'avete preso per cio che realmente è: la Parola di Dio che agisce in voi che credete.
14  E voi, cari fratelli, avete imitato, con la vostra sofferenza, le chiese di Dio che seguono Cristo in Giudea, perché anche voi avete subìto afflizioni da parte dei vostri connazionali, come le hanno subìte loro da parte dei Giudei,
15  che hanno ucciso i profeti e perfino il Signore Gesù, e che hanno cacciato anche noi. Non danno piacere a Dio e sono ostili a tutti gli uomini,
16  infatti cercano d'impedirci di predicare ai pagani perché possano essere salvati. In tal modo, questi Giudei non fanno altro che colmare la misura dei loro peccati, ma alla fine l'ira di Dio piomberà su di loro.
17  Quanto a noi, cari fratelli, quando siamo stati separati per un po' da voi abbiamo fatto di tutto per potervi rivedere.
18  Così, per ben due volte, abbiamo voluto venire da voi, almeno io, Paolo, ma Satana ce lo ha impedito.
19  Voi, infatti, siete la nostra speranza, la nostra gioia e la corona di cui saremo fieri davanti al nostro Signore Gesù al suo ritorno.
20  Sì, la nostra gloria e la nostra gioia siete voi!
© 2016 ERF Medien